Studio di psicologia Corona – Cartia a Roma | info@studiopsicologiaroma.com

RICEVIAMO SU APPUNTAMENTO

Top
Psicologo vs psicoterapeuta

Differenza tra psicologo e psicoterapeuta

Al giorno d’oggi, nell’affascinante e sconfinato “mondo psi”, sono tanti i nomi che sentiamo pronunciare, alcuni in italiano, altri addirittura in inglese (perché sembrano avere più effetto, in accordo con la tendenza dei tempi!).

Tutte queste nuove “figure professionali” si stagliano nel panorama nazionale e internazionale con una molteplicità di finalità comuni: accompagnare la tua vita personale e professionale, motivarti nella risoluzione dei problemi quotidiani, rafforzare la tua autostima, accrescere le tue prestazioni, per poter affrontare al meglio la vita!

Peccato però che nell’interminabile variabilità, si finisca spesso per far confusione tra professionisti, (nella gran parte dei casi tutelati da albi professionali) con un bagaglio di competenze e di strumenti formativi a disposizione, e alcuni tuttologi che, seppur mossi spesso da buone intenzioni, inevitabilmente mettono a rischio il benessere psicofisico di chi vi si rivolge, se e quando non riescono a coniugare la propria formazione con la reale richiesta dell’altro.

E allora come fare per distinguere il professionista da chi si “professa” tale? E come capire, tra i tanti, chi può essere più adatto in una specifica circostanza?

Facciamo un esempio.
Paoletta e Serenella sono due sorelle molto affiatate. Paoletta è un’atleta, sempre molto performante, ma negli ultimi tempi non riesce più a correre come vorrebbe e si sente distratta da molti pensieri che non la fanno concentrare ottenendo i risultati sperati. Serenella, invece, ultimamente si sente giù e non ha più voglia di uscire, non riesce a dormire bene e la mattina passa tutto il tempo a letto. Sul consiglio di un’amica, decidono di andare insieme da uno specialista. Nonostante il loro affiatamento, necessitano di due diversi professionisti perché ognuna di loro avrà bisogno di lavorare su aspetti diversi e con obiettivi differenti. Se infatti Serenella andasse dallo stesso specialista della sorella, forse riuscirebbe a ritrovare una motivazione in più, ma siamo sicuri che la sua tristezza non si riaffaccerebbe, se non abbiamo cercato di capirne le cause in profondità?

Differenza tra psicologo e psicoterapeuta

 

Partiamo da questo diffusissimo dubbio amletico: ma qual è la differenza tra Giacomino che è psicologo e Carletto che è psicoterapeuta?

E allora nel tentativo di diradare un po’ di nebbia attorno a questi due professionisti e a quello che fanno, cominciamo dal definire il loro obiettivo comune, ovvero promuovere il benessere psicologico dell’individuo, del gruppo e della comunità, come recita il codice deontologico all’art. 3.

Pur essendo colleghi perché entrambi psicologi, i nostri amici Giacomino e Carletto, nelle loro competenze, hanno due differenze sostanziali.

La prima riguarda il percorso di studi e gli strumenti acquisiti per raggiungere tali obiettivi, in accordo con la necessità, oltre che obbligo, di mantenere un costante aggiornamento.

Nello specifico:

  • Giacomino, per diventare psicologo, ha conseguito una Laurea in Psicologia, e dopo un anno di tirocinio post lauream, ha sostenuto l’Esame di Stato che gli ha permesso di ottenere l’abilitazione all’esercizio della professione iscrivendosi all’apposito Albo. Possiamo comunque controllare che Giacomino sia veramente abilitato consultando il sito dell’Ordine degli Psicologi regionale corrispondente.
  • Carletto, invece, dopo aver seguito le orme dell’amico Giacomino o, in alternativa, aver preso una Laurea in Medicina, per diventare Psicoterapeuta ha proseguito la propria formazione, frequentando una Scuola di Specializzazione in Psicoterapia (almeno quadriennale) riconosciuta dal Miur (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca) e svolgendo un tirocinio formativo pluriennale in strutture convenzionate con la propria scuola, al termine della quale ha aggiunto, all’iscrizione all’albo degli Psicologi, l’annotazione come psicoterapeuta. Anche in questo caso possiamo verificare che Carletto non abbia fatto il furbetto presso lo stesso sito dell’Ordine.

La seconda differenza sostanziale ha a che fare con il tipo di lavoro e gli ambiti di applicazione.

Nello specifico:

  • Giacomino, in qualità di psicologo abilitato, può svolgere attività di prevenzione, diagnosi, riabilitazione e sostegno psicologico rivolte alla persona, al gruppo e alla comunità, oltre che attività di sperimentazione, ricerca e didattica.
  • Carletto, in qualità di psicoterapeuta specializzato, oltre alle attività dell’amico/collega Giacomino, può svolgere attività di psicoterapia volta alla risoluzione di sintomi, e delle loro cause, conseguenti ad una psicopatologia o disagio, cosa che non può essere in alcun modo esercitata neanche dal miglior Giacomino.

Autore: Studio Corona-Cartia